>> Ormai noti i finalisti del 43° Premio Acqui Storia

A fine settembre verranno resi noti i vincitori delle tre sezioni della 43ª edizione del Premio Acqui Storia, nato nel 1969 per onorare il ricordo della “Divisione Acqui” e i caduti di Cefalonia nel settembre 1943 e ritenuto il più importante premio storico non solo italiano ma europeo, di grande rigore scientifico e letterario.

Il Premio Acqui Storia è organizzato dall’Assessorato alla Cultura della città di Acqui Terme in collaborazione con la Regione Piemonte, la Provincia di Alessandria, le Terme di Acqui e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che si  conferma partner fondamentale dell’iniziativa.

La cerimonia di premiazione si svolgerà, ad Acqui Terme, il 23 ottobre. A ciascun autore vincitore andrà una borsa di 6.500 euro, unitamente alla proclamazione dei “Testimoni del Tempo” e del riconoscimento speciale “La Storia in TV”.

Intanto sono stati resi noti i nomi degli autori finalisti (su 128 in concorso) e le loro opere.

La Giuria della Sezione scientifica, presieduta da Guido Pescosolido e formata da Massimo Cavino, Antonio De Francesco, Massimo De Leonardis, Giuseppe Parlato, Francesco Perfetti e Bovio della Torre rappresentante dei lettori, ha scelto i seguenti finalisti: Giovanni Belardelli, Mazzini, Il Mulino; Alessandro Orsini, Anatomia delle Brigate Rosse; Le radici ideologiche del terrorismo rivoluzionario, Rubbettino; Tommaso Piffer, Gli Alleati e la Resistenza italiana, Il Mulino; Raoul Pupo, Trieste ’45,  Editori Laterza; Giovanni Sale, Le leggi razziali in Italia e il Vaticano, Jaca Book.

La Giuria della Sezione divulgativa presieduta da Ernesto Auci e composta da Elio Gioanola, Giordano Bruno Guerri, Gennaro Malgieri, Mauro Mazza, Carlo Prosperi, Claudio Bonante, rappresentante dei lettori ha  indicato come volumi finalisti: Adalberto Baldoni, Storia della destra. Dal postfascismo al Popolo della libertà, Vallecchi; Ernesto Galli della Loggia, Tre giorni nella storia d’Italia, Il Mulino; Gigi Moncalvo, I Lupi & gli Agnelli. Ombre e misteri della famiglia più potente d’Italia, Vallecchi; Marco Patricelli, Il volontario, Editori Laterza; Nico Perrone, L’inventore del trasformismo. Liborio Romano, strumento di Cavour per la conquista di Napoli, Rubbettino.

La Giuria della Sezione Romanzo Storico, presieduta da Camilla Salvago Raggi e composta da Mario Bernardi Guardi, Gianfranco De Turris, Elio Gioanola, Alberto Papuzzi, Francesco Perfetti e dal rappresentante dei lettori Matteo Ravera ha scelto i finalisti: Giorgio Ballario, Una donna di troppo. La seconda indagine del Maggiore Aldo Morosini nell ‘Africa italiana, Edizioni Angolo Manzoni; Mario Farneti, Imperium Solis, Editrice Nord; Ignacio Martínez de Pisón, Il fascista, Ugo Guanda Editore; Riccardo Nencini, L’imperfetto assoluto, Mauro Pagliai Editore; Antonio Pennacchi, Canale Mussolini, Mondadori.

,