>> La Cinzano incontra un migliaio di conferenti d’uve

L’azienda Cinzano che dal 1999 fa parte del Gruppo Campari (una delle realtà più importanti nel settore del beverage a livello globale, presente in 190 paesi nel mondo con leadership nei mercati italiano e brasiliano e posizioni di primo piano negli USA e in Europa), ha radunato, domenica 18 luglio, per il 10° anno consecutivo, tutti i suoi conferenti di uve (circa 600 aziende agricole), al ristorante La Cascata di Verduno,  per un incontro conviviale e informale.

Più di 1100 persone, ciascuna con la sua storia fatta di tradizione e di un profondo legame col proprio territorio, incontrano Lorenzo Barbero, enologo del Gruppo Campari, i suoi collaboratori più stretti e la rappresentanza dell’azienda.

Le aziende agricole che conferiscono uve a Cinzano rappresentano la molteplicità di realtà produttive che caratterizzano il territorio. Da vigneti di 400 metri quadrati a quelli da quasi venti ettari, mediamente i fornitori Cinzano coltivano 2 ettari di vigneto moscato ciascuno.

Sono proprio le uve moscato bianco la principale tipologia di cui Cinzano si rifornisce per produrre il celebre Asti d.o.c.g. Nel 2009 Cinzano ha pigiato 11 milioni di kg di uve moscato.

Per le altre uve, Brachetto e Chardonnay, le quantità si aggirano mediamente intorno ai 188.000 kg di Brachetto d’Acqui e ai 130.000 kg di Chardonnay. Altre tipologie di uve raccolte sono Pinot Nero e Grigio, tutte le uve provengono dalle province di Alessandria, Asti e Cuneo. 

L’azienda Cinzano (lo stabilimento di produzione si trova a Santa Vittoria d’Alba, in provincia di Cuneo) commercializza i suoi spumanti in tutto il mondo. I mercati principali sono l’Italia, la Germania e la Russia.

, ,