>> Il 7° Tour tra Langa e Monferrato alla scoperta del territorio

Una splendida giornata di sole ha accompagnato, domenica 29 maggio, le oltre 20 vetture iscritte  al 7° Tour tra Langa e Monferrato, tutte rigorosamente immatricolate come da regolamento: prima del 1986. Ma non solo il solleone e la frizzante aria montana hanno creato un clima speciale, anche l’accogliente collina di Moasca ha regalato una stupenda cornice amplificando l’intento degli organizzatori capitanati da Stefano Casazza e cioè far scoprire e riscoprire le bellezze di questo territorio. Pensiero condiviso appieno anche dal primo cittadino di Moasca Maurizio Bologna sempre in prima linea su questo argomento.

Sicuramente le tante Lancia Fulvia Hf, le Lancia Delta mescolate alle piccole Fiat 500 hanno contribuito nel far riaffiorare ricordi indelebili, tali come la coppia di graditissimi ospiti giunti a Moasca con una fiammante Porsche 911. Loro sono Carlo Crestani e Marisa Novelli, già rispettivamente padrino e madrina della manifestazione i quali hanno pronunciato belle parole per il lavoro svolto dagli uomini del Lancia & Co., Comitato organizzatore e Pro Loco. A seguito dell’arrivo, dopo il riordino sotto le mura del Castello di Moasca si è svolta la premiazione nei locali della proloco accompagnata da una succulenta merenda.

Ora non resta che attendere l’edizione numero 8 del Tour tra Langa e Monferrato cercando di migliorare l’evento anno dopo anno per regalare sempre più divertimento, passione e conoscenza del territorio a chi, come i concorrenti di oggi, non hanno saputo rinunciare a questo appuntamento. Per dover di cronaca ha vinto l’equipaggio Botto-Gianmarino giunto da Vigevano a bordo di una elegantissima Triumph TR 7. Crestani-Novelli su Porche 911 Turbo hanno vinto fra gli amatoriali e conquistato la simpatia di tutti.