Il Lions Club Asti dona apparecchiature alla cooperativa Elsa di Canelli

Cerimonia di consegna da parte del Lions Club Asti Alfieri, all’interno del Service per la Disabilità, di apparecchiature sanitarie e ricreative per gli Ospiti della Cooperativa Sociale ELSA di Canelli.

La cerimonia, alla presenza delle Autorità Lions e Amministrative Locali e della Regione Piemonte, si svolgerà venerdì 26 luglio, alle ore 18,00, nella sede della RAF in Via Solferino 96, a Canelli. Madrina d’eccezione sarà Alessandra Cotoloni, scrittrice, nata a Siena il 03/09/1966. Vive a Siena, dove lavora presso l’Amministrazione Comunale, svolgendo la professione di Architetto. Da sempre è stata animata dalla passione per la scrittura, in particolar modo per la narrativa.

Nel mese di aprile è uscito il suo quarto romanzo “Il diario di pietra”: l’incredibile storia, in parte romanzata, di Fernando Nannetti, nato a Roma nel 1927. Un’intera vita in manicomio, prima a Roma e poi a Volterra dove, con l’ardiglione del gilet dato in dotazione ai degenti, comincerà a scrivere, sul muro esterno del padiglione Ferri, il suo Diario di pietra. Una testimonianza toccante del desiderio di libertà fosse anche solo attraverso i segni, le parole, i disegni e le frasi che imprimerà, con energia, su 180 ml di muro.

Il grido di centinaia e centinaia di persone che venivano violate nella loro essenza umana, private completamente della propria dignità di uomini e donne. Una denuncia importante arricchita da espressioni che sono spesso vere e proprie poesie che ci riportano la profondità di un uomo che si è visto da sempre privare dell’elemento più importante per ogni individuo: la libertà di essere e di esistere.

“Il diario di Pietra” ha ottenuto: Premio della Giuria al Concorso Internazionale “Il volo dell’arte- Le Grazie- Porto Venere ” 2018; II° classificato al Festival Nazionale della prosa, poesia  testi teatrali al Festival Rive Gauche 2018; I° classificato  al Premio Equilibri 2018 di Chiara Ricci; Menzione d’onore al Premio letterario Città di Grosseto “Amori sui generis” e segnalato dal dott. Piero Mastroberardino al Premio Strega 2019. L’ingresso è libero e aperto alla cittadinanza.

Lascia un commento