Inaugurata la 40^ edizione di Vinum ad Alba

2Degustazioni, incontri, workshop. Street food made in Langa, aperitivi a tema, visite guidate e musei aperti. E ancora, appuntamenti con le eccellenze enogastronomiche del territorio, eventi sportivi e tanta musica. Ma, soprattutto, i grandi vini di Langhe, Roero e Monferrato: tutti in un solo luogo, per due intensi weekend di assaggi, scoperte enoiche ed emozioni.

Vinum compie quarant’anni e da ieri sta invadendo la città di Alba. Continuerà fino al 25 aprile e, nuovamente, il 30 aprile e il 1° maggio 2016. La Fiera Nazionale dei vini di Langhe, Roero e Monferrato trasforma la capitale del Tartufo Bianco in una grande enoteca dove i profumi dei vini incontrano i gusti e i sapori delle eccellenze piemontesi in una golosissima festa che coinvolge tutta la città e il territorio.

Vinum è la più importante manifestazione enoica della primavera piemontese, un’occasione unica per scoprire la capitale delle Langhe e il suo straordinario patrimonio collinare – inserito all’interno della World Heritage List dell’Unesco – a partire dalle sue produzioni d’eccellenza.

Durante Vinum, le piazze della città di Alba diventano banchi d’assaggio dedicati alla degustazione delle principali tipologie di vini prodotte nella zona: il Barolo, il Barbaresco, il Dolcetto, il Moscato, il Roero Arneis e il Roero, i vini del Monferrato e i bianchi delle Langhe. Ogni piazza è titolata ad un vino o a un gruppo di vini, a cui viene abbinato, in un trionfo di sapori locali, lo STREET FOOD ËD LANGA®, il cibo di strada preparato secondo le ricette dell’antica tradizione culinaria langarola. «Cinquecentocinquantadue etichette per duecentotrentadue produttori.

La 40ª edizione di Vinum è forse la migliore occasione per gustare, in unico luogo, la straordinaria ricchezza enoica di Langhe, Roero e Monferrato», ha dichiarato la presidente dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Liliana Allena, durante l’inaugurazione dell’edizione 2016.

«Anche quest’anno i numeri ci indicano che Vinum è cominciata sotto i migliori auspici. Prima ancora che la manifestazione cominciasse, oltre mille carnet degustazioni e workshop sono stati venduti online, il 40% in più rispetto allo scorso anno. Sono dunque orgogliosa di inaugurare questa 40ª edizione all’insegna del gusto, del divertimento e della cultura. Vinum si accompagna a decine e decine di eventi collaterali, ad Alba e sul territorio: un’immersione a 360º nel mondo del vino e degli straordinari paesaggi delle nostre colline, riconosciute Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco».

Per approfondire la conoscenza di vini ed eccellenze piemontesi, Vinum organizza alcuni workshop (acquistabili anche online) dedicati ai più curiosi: si tratta delle degustazioni I GRANDI TERROIR DI LANGHE, ROERO E MONFERRATO a cura dell’enologo e giornalista Lorenzo Tablino (tutti i giorni di Vinum alle 17.30 presso il Palazzo Mostre e Congressi “G. Morra” di piazza Medford), e i laboratori FORMAGGI E I VINI DEL TERRITORIO, con degustazioni curate dall’ONAF (tutti i giorni della manifestazione dalle 11.45, sempre al Palazzo Mostre e Congressi).

Vinum non è soltanto un’occasione per scoprire i migliori nettari d’Italia, ma una festa di territorio. La manifestazione si inserisce all’interno della Primavera di Alba, che colora di appuntamenti la città, da marzo fino a luglio, aprendo le porte del sistema museale albese che comprende la Chiesa di San Giuseppe, la Chiesa di San Domenico, il Centro Studi Beppe Fenoglio, il Museo Diocesano e il Museo Civico archeologico e di scienze naturali F. Eusebio di Alba.

Inoltre, acquistando il carnet di Vinum, attraverso il quale è possibile effettuare le degustazioni nei punti indicati, si riceveranno sconti e ingressi omaggio ai principali musei e attrazioni turistiche di Alba e dintorni, validi fino a domenica 8 maggio: il Wimu, il Museo del Vino di Barolo, il Museo dei Cavatappi, sempre a Barolo, il Museo delle Langhe di Grinzane Cavour, il Museo F. Eusebio di Alba. A coloro che presenteranno il carnet di Vinum prima della visita alla Torre di Barbaresco, ubicata nell’omonimo comune, verrà omaggiato un calice di Barbaresco.

Il carnet di Vinum è acquistabile in loco, oppure online su Ciaotickets. Chi compra via digitale avrà uno sconto di 5 euro sul prezzo del carnet. Inoltre, sono disponibili sconti per chi acquista i pacchetti carnet + partecipazione ai workshop.
«Quest’anno la Fiera Nazionale Vinum compie 40 anni», racconta la Presidente dell’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba Liliana Allena.

«Un traguardo che abbiamo voluto celebrare con una manifestazione ricca di eventi. Grazie ai banchi d’assaggio, allo Street Food ëd Langa e agli approfondimenti su vino e eccellenze piemontesi abbiamo reso la manifestazione capillare e diffusa su tutto il centro storico di Alba, che si trasforma in una grande enoteca a cielo aperto con animazioni, musica e artisti di strada. Attraverso Vinum Bimbi abbiamo voluto rispondere alle necessità dei turisti che viaggiano con le famiglie, dedicando loro uno spazio dove si incontrano gioco ed educazione.

Vinum è l’occasione perfetta per conoscere il nostro territorio. Le degustazioni si uniscono al piacere della cultura e della scoperta, con ingressi omaggio e agevolazioni ai principali musei e attrazioni turistiche delle nostre colline, da Barbaresco a Barolo, passando per Grinzane Cavour, tutte aree riconosciute Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco».

Vinum è organizzato dall’Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, in collaborazione con il Comune di Alba, l’Ente Turismo Alba Bra Langhe e Roero, il Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, il Consorzio Tutela Roero, i Produttori Moscato d’Asti Associati, l’Associazione Cantine di Alba, il Consorzio Alta Langa, la Bottega del Vino di Dogliani, la Cantina Comunale i Sörì di Diano, il Consorzio di Tutela dei vini d’Asti e del Monferrato, l’Istituto Grappa Piemonte e con il sostegno della Regione Piemonte, della Camera di Commercio di Cuneo, della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e della Banca d’Alba Credito Cooperativo.

,

Lascia un commento