>> La sicurezza in azienda e i verificatori dello sviluppo sostenibile

L’intensa settimana sulla sicurezza e sull’ambiente, organizzata a Canelli dal 10 al 15 maggio da Oicce e dal Comune, dopo le numerose prove di evacuazione, i corsi di informazione svolti nelle scuole e nelle aziende, è culminata nel convegno “La sicurezza in azienda” dello scorso giovedì 13 maggio, nell’aula del Comune.

Interventi. I 22 rappresentanti  delle più importanti e lungimiranti aziende enomeccaniche ed enologiche hanno potuto ascoltare gli illuminanti interventi di Fabio Zucchi (Sicurconsul), Antonio Perna (assessore attività produttive), Roberto Marmo (presidente Cantina sociale, consigliere comunale, prossimo onorevole), Pierstefano Berta (direttore Oicce e della Pernod–Ricard Italia), Pascal Silvestre (direttore Qualità e Sviluppo Sostenibile della ditta Arpege e verificatore internazionale della AFNOR ente di certificazione francese), Daniela Orefici (Inail – Asti), Francesco Orru (comandante Vigili Fuoco Asti), Amedeo Pappalardo (vice comandante VV.F.), Luca Solari (comandante Stazione carabinieri  Canelli), Giuseppina Vercelli (direzione Lavoro – Asti), Paolo Gandolfo (assessore Ambiente).

Global Compact. Dal convegno, in particolare, è emerso che:

– il Comune di Canelli risulta essere l’ottavo Comune italiano ad avere aderito  al Patto Globale  delle Nazioni Unite proposto per la prima volta, il 31 gennaio 1999, da Kofi Annan che invitava i leader dell’economia  mondiale  ad aderire ad un patto comune, un’iniziativa  internazionale  in supporto  di alcuni principi universali relativi ai diritti umani, al lavoro, all’ambiente, alla lotta alla corruzione. Obiettivi comuni come costruire i mercati, combattere la corruzione, salvaguardare l’ambiente  e assicurare la coesione  sociale  hanno costituito  una base di collaborazione  tra le aziende, i governi, la società civile, i lavoratori e le Nazioni Unite;

– a Canelli si è già potuto toccare con mano come lo Sviluppo sostenibile sia possibile, ad esempio, come nel caso della Cantina sociale che è riuscita a non licenziare nessuno dei suoi 29 dipendenti;

– a Canelli, il motore dello Sviluppo sostenibile, insiste nelle piccole e medie aziende che, unite, possono contare sulla trainante forza della Pernod Ricard, primo Gruppo di vini nel mondo. Una felice constatazione, per cui le piccole strutture, unite, possono crescere e convivere con le grandissime, sempre nel principio dello Sviluppo sostenibile;

– al convegno hanno preso parte due osservatori francesi con il compito della Global Compact di verificare se a Canelli  sono in atto i presupposti di uno Sviluppo ecosostenibile.

Aziende. All’importante iniziativa, oltre le scuole e le forze dell’ordine, hanno preso parte 22 aziende del settore vitivinicolo ed enomeccanico: Arione Vini, Arol, Bersano Cav. Dario, Bosca, Cantina Coppo, Cantina Michele Chiarlo, Cantina Sociale Di Canelli, Conpart, Enos Euro, Enos, Espert Scrl, Euro Beta, Fimer, Gaviglio Giuseppe, Mas Pack, Menabreaz Ivaldi, Pernod Ricard Italia, P.G. Di Penna Francarlo E Ghione Paolo, Robino & Galandrino, S.T.S., Sirio Aliberti, So.Vi.Pi. che hanno tenuto, all’interno delle loro strutture, corsi di formazione, prove pratiche, momenti di informazione sul tema della sicurezza negli ambienti di lavoro, secondo quanto previsto dal DLgs n. 81/2008.

, ,

Lascia un commento